Seleziona una pagina

Il direttore dell’ospedale civile di Belluno, parzialmente occupato e convertito in ospedale militare ungherese, riferisce che a partire da aprile a luglio le condizioni della popolazione conoscono un ulteriore peggioramento: numerosi i casi di idroemia e gastriti a causa della fame e dell’ingerimento di erba. Ospiti della struttura sono anche profughi da tutto il feltrino.